crunch al cavo

crunch al cavo

Fotografia Digitale, Ritratto, Digitale, 200x133x5cm
un ambiente come la palestra, autentico sacrario dell'edonismo, votato alla cura del proprio io, a "sorpresa" contiene in sè tante storie quante le persone che la alimentano; storie fatte di vita, dolore, sofferenza.
Partendo da questo presupposto ho rappresentato questa riflessione, che cerca di riposizionare l'individuo come "forma e sostanza" al centro di storie che si snodano in luoghi apparentemente svuotati di umanità.
Gli esercizi classici da palestra vengono rielaborati, e al movimento che ne risulta viene attribuita una tensione non solo fisica: in questo modo le trazioni alla sbarra, piuttosto che gli esercizi per gli addominali, diventano non solo movimenti fisici fini a se stessi, ma gesti che simbolicamente richiamano altro, vere e proprie "crocifissioni" dell’anima. Allenamenti, questo il titolo del progetto.

Piace a 18

Commenti 2

ANA SEKACH
8 anni fa
ANA SEKACH Artista, Pittore
Bello foto , ma manca Flamingo :)
ferdinando sorbo
8 anni fa
data la co-esistenza forzata tra corpo e anima,un uso intensivo di esercizi fisici può solo oscurarla,perturbarla,agitarla,sconvolgerla,come ogni lavoro pesante è un uscire fuori da sè stessi e dalla quiete dello spirito....sia il lavoro,che gli esercizi fisici intensivi sono una punizione che l'uomo reitera in accordo con la <punizione divina>....

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login