gli scacchi

gli scacchi

La dimensione a cui si ispira l'opera è quella di una rappresentazione idealizzata dei soggetti, uomini e donne che l'artista approccia nella propria quotidianità, stravolgendo la tipica impostazione accademica e scegliendo di raffigurare la realtà non così come le si presenta, ma con le sue idealizzazioni. La sua caratteristica, quindi, è quella di dipingere i suoi quadri ispirandosi a ciò che la stessa vede in una sorte di gioco della vita, una sfida tra alfieri, re e regine sulla scacchiera della nostra esistenza. La scena raffugurata coglie il momento specifico dell'azione tra i due soggetti, timorosi l'un l'altro, in attesa della prima mossa, in una fase temporale perennemente in sospeso. Due uomini che si destreggiano con concentrazione sulla scacchiera della vita ed in cui ognuno arriva dove vuole dominare sè e l'altro. Una "non azione" tutta svolta in primo piano ed in un processo di coinvolgimento fisico ed emotivo dello spettatore.
Commento di Giuseppe Ossoli

Piace a 21

Commenti 5

Rudolf Lichtenegger
7 anni fa
Wonderful!
Corrado Lippi
7 anni fa
Corrado Lippi Artista
Gli scacchi siamo noi.
Vittorio Comi
7 anni fa
Vittorio Comi Artista
nuove frontiere della pittura bella ricerca!!
gelinda vitale
7 anni fa
gelinda vitale Artista
Surreale.......... molto molto bella
Gianfranco ferlazzo
8 anni fa
Per un certo verso i tuoi lavori mi ricordano certi frame d'animazione anni 60 legati alle primordiali pubblicità del boom economico:insomma hanno un sapore Vintage che colpisce;poi c'è una sorta di ludica surrealtà pompata dai colori caldi molto interessante.Complimenti!

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login