"I Fiori del male - La distruzione"

"I Fiori del male - La distruzione"

"Incessantemente, vicino a me, s'agita il Demonio, e mi vagola dattorno come un'aria impalpabile; io l'inghiotto e sento che mi brucia i polmoni e li riempie d'un desiderio eterno e colpevole.
Conoscendo il mio grande amore per l'Arte prende, qualche volta, le sembianze della più seducente delle donne, e con speciosi pretesti da ipocrita avvezza le mie labbra ai filtri più infami.
Lontano dallo sguardo di Dio, mi porta, ansante, rotto dalla stanchezza, nelle profonde e deserte piane della Noia, e getta sui miei occhi confusi vesti lordate, ferite aperte,
tutto il sanguinoso apparato della Distruzione!"
(Charles Baudelaire "I Fiori del male - La distruzione")

Piace a 24

Commenti 2

Maurizio Carpanelli
9 anni fa
Bellissima questa spazialità di acciaio e sangue,dardeggiata di luce!
Maria Cristina  Neviani
9 anni fa
Ritrovo nell'opera astratta immagini e sensazioni suggerite dalla poesia...
Ti faccio i complimenti!

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login