You Stole My Body but I'm Still Dancing

You Stole My Body but I'm Still Dancing

'You Stole My Body but I'm Still Dancing" è un' installazione interattiva sulla tragedia dei desaparecidos Argentini (1976-83). Richiede una stanza o un angolo isolato:
• stoffe bianche rivestono pareti e soffitto
• un dipinto (ispirato alla commedia teatrale “Por la Vida” (Dragonetti/Tagliabue), tecnica mista su carta, 150x460cm)
• 3 ombrelli bianchi aperti e appesi a testa in giù; dalle punte partono laser (a forma di croce), il cui riflesso proveniente da specchi posizionati sul pavimento attivano dei foto sensori presenti sull''ombrello facendo fermare il suono d'ambiente e partire da un archivio delle tracce audio dove sono registrati i nomi di desaparecidos e la descrizione del sequestro
• dei laser posizionati sul soffitto, sfruttando un rivestimento riflettente interno agli ombrelli, creano una danza di luci sulle pareti
• l'ambiente sonoro è creato processando materiali d'archivio (voci delle Madres, l'annuncio del colpo di stato, la celebrazione del mondiale del '78) e suoni registrati (l’oceano, aerei)
• esternamente: una video testimonianza di Carolina Oro (Argentina, '77), figlia di un sopravissuto e nipote di un desaparecido, indaga le conseguenze personali e sociali

Piace a 7

Commenti 2

Frank N
8 anni fa
Frank N Artista
I love the title!
Helga Kalversberg
9 anni fa
Lovely words !

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login