Apparato Cardiaco

Apparato Cardiaco

Apparato cardiaco
Quel giorno era freddo e in quella mattina d'inverno c'era troppo vento per uscire in barca a vela. Troppo tardi per tornare indietro, ero già lì a guardare il mare, troppo presto per tornare indietro…era l'orario perfetto, nessuno, solo sulla spiaggia. Con il sole tenue il vento che ti pizzica il viso, un desiderio d'infinito ed una camminata sul bagnasciuga. Fu lì che lo vidi e fu lì che lui vide me. Questo sasso che si lasciava abbracciare da una poderosa radice. Erano bellissimi, lei forte attorcigliata su questo piccolo esile ma robusto masso. Era come se alla pianta fosse cresciuto un cuore e fu allora che capii cosa sarebbe diventato: un motore pulsante, un cuore l'anima l’essenza del vivere…
La realizzazione di quest’opera eseguita ricavando da un tronco ossidato dal mare, colorazioni con colori ad olio, fili di nylon, rivestimenti resina poliuretanica, sistema intermittente luminoso led con centralina di comando.

Piace a 16

Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login