Mai nato.

Mai nato.

Ancora prima dell'aborto, ancor prima perfino del concepimento. Quella spazialità che è al contempo un vuoto che annienta, ma che è anche atta a contenere qualcosa. Un vuoto che può essere straziante e nello stesso istante essere altresì l'origine di tutto.

Piace a 50