"Exile n. 8"

"Exile n. 8"

L’esilio è l’inesorabile condizione che vive colui che, isolato dalla propria condizione primigenia di unità del tutto, è immerso nella società liquida, prigioniero del senso di estraneità da sé stesso e dagli altri.

“Exile n. 8” rappresenta la metamorfosi di una donna che sente di essere in comunicazione con la parte più profonda di se stessa solo quando viene a contatto con la propria sofferenza, la propria disillusione, la propria paura.

La donna ritratta sceglie quindi di liberarsi di riferimenti di ogni tipo, e ritornare a seguire i suoi istinti più primordiali e brutali. Diventerà come una goccia d’ acqua in un oceano; indistinguibile e vulnerabile.

Piace a 13

Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login