Chiusure Umane

Chiusure Umane

Prefazione
La moda entra nell’ arte e nella musica e in ogni sfera creativa e culturale e in ogni settore ma non è il solito incontro tra queste forme di creatività con contaminazioni, ne con uno scambio tra di esse e neanche un semplice connubio.
L’obiettivo di Daniel (Ciro Di Fiore) è di portare in ogni ambito e ambiente dell’arte e in altri contesti culturali e sociali in modo innovativo e originale l’ abbigliamento e gli accessori nella loro tecnicità e non con semplici défilés o passerelle di pochi minuti o poche ore.
Egli vuole trasformare gli spazi di una galleria o di un’ associazione culturale o di un a fiera, non per spingere il fruitore a fare solo dei confronti ma permettergli di entrare attraverso la moda in tutti i settori, e unendoli ad essa, in modo da creare una sinergia tale da immettere delle radici così profonde non solo nella società ma in ogni aspetto del contesto sociale
Per questo egli desidera rendere i suoi lavori pittorici/stilistici usurfruibili senza più tempo e spazio, dagli stilisti agli artisti, dai galleristi ai modellisti, dai curatori e critici d’ arte ai tecnici della moda, e dai creativi ai grafici, dai musicisti ai poeti e agli scrittori e a tutti i professionisti delle altre sfere creative e culturali e di tutti i settori, dagli amanti del fashion e dell’ arte ai semplici osservatori.

Opera: <<Chiusure Umane>>
“Chiusure umane” è dedicata al sociale e alla moda tant’ evvero che la scelta di Firenze non è casuale, sia come città che sembra fermata nel tempo come se fosse incantata e sia come centro di moda.
Nel lavoro artistico/stilistico sono rappresentati i guanti che richiamano anche alle mani per ricordare un proverbio precisamente “mano (o pugno di ferro) in guanto di velluto”, per delineare la chiusura non solo in senso caratteriale ma anche di un contesto sociale ( in generale e che non riguarda una città o un territorio specifico) e nei confronti delle diversità, da cui ne deriva una mancanza di aiuto e quindi una sofferenza umana con le espressioni indicate sull’ opera.
Ma le chiusure lampo semi-aperte stanno a rappresentare la possibilità del cambiamento umano e l’ attesa di una graduale apertura sia per quel che riguarda il carattere e così come il sociale e qualsiasi altro ambito.
Inoltre specifico che le monete dell’ Unione Europea sul lato sinistro di questo quadro, sono sul lavoro non per la loro funzione e non ci sono riferimenti alle monete euro ma solo per i loro disegni commemorativi presenti su di esse.
Uno di questi disegni è il simbolo portoghese che è stato realizzato nel 2008 per il 60°anniversario della dichiarazione dei diritti umani per commemorare attraverso di esso il trattato di Lisbona ( chiamato anche trattato di riforma) firmato nel 2007 che rafforzò i trattati di Roma, proprio del principio democratico e con la tutela dei diritti fondamentali.
Gli altri due simboli commemorativi vogliono ricordare rispettivamente l’ evento che si festeggia in questi mesi per il 60° anniversario dei trattati di Roma ( dato che Daniel partecipa in questo mese alla mostra “Arte Europa 2017 a Nancy organizzata con un gemellaggio tra Italia e Francia e alcuni paesi dell’ Unione Europea in memoria di questi trattati e per questo vorrebbe dare continuità a questo anniversario ed estenderlo logicamente ad altre nazioni dell' Unione attraverso la sua partecipazione ad altre esposizioni ).
Il disegno sulla moneta francese da 2 euro del 2007 fu già creato per il 50° anno dei trattati di Roma, mentre il simbolo italiano del 2015 commemora il 30° anniversario della bandiera Europea. ( monete invertite proprio per lo scambio culturale in questo gemellaggio).

Descrizione Tecnica

Chiusure Umane: dimensioni: h. cm. 50 X cm. 70- Tecnica: mista/ collage – Materiali: Chiusure lampo in metallo, Cartoncino colorato , glitters a colla colorati – Supporto: cornice à jour - Stile: Concettuale – Anno: 2009
Questa opera è della Collezione "Fashion and Art" del Gruppo N. 2 dedicato al Sociale

Preface
The fashion goes in the art and in the music, and in every creative and cultural spheres and in every sector, but it is not the usual meeting between these types of creativity with contaminations neither an exchange between them and nor a simple combination.
Daniel objective is to give in every sphere and community of the art the clothing and the accessories in their technicality and not with simples shows or catwalks of a few minutes or a few hours.
He wants to change the spaces of a gallery or of a cultural association or a fair, not to push the user of the work to make only some comparisons but to allow him to enter through the fashion all the sectors and linking them to it, and to create a synergy so as to root such profound not only in the society but in every aspect of the social context.
For this he wishes to make his artistic/stylistic works enjoible without more time and space, from the fashion designers to the artists, from gallery owner to the modelers, from the curators and art critics to the experts of fashion and from the creative to the graphic designers, from the musicians to the poets and to the writers and to all experts of other creative and cultural spheres and of all sectors, from the lovers of fashion and the art to the ordinary observers.

Work: << Chiusure Umane >>
“ Chiusure Umane” is dedicated to the social and to the fashion, really the choise of Florence is not casual, like both like city that seems stop in the time like if it was enchanted and the centre of mode.
In the stylistic and artwork the gloves are represented and they evoke to the hands to remind a proverb, esactly “ hand ( or iron hand) in glove of velvet ”, not only to express the closing in sense of character but also of a social context and towards the differences, da cui ne deriva a lock of help and for this reason a human suffering with the expressions written on the work.
But the zip haf- open means the possibility of the human change and a gradual opening both for character and as social and every other sphere.
Moreover I specificy that the coins of European Union on the left side of this picture, are on the artwork not for their function and there are not references to conis euro, but only for their commemorative design appearing on them.
One of these design is portuguese symbol, that was created in 2008 for the 60Th anniversary of the Universal Declaration of Human Rights to commemorate with it the Lisbon Treaty ( called also Reform Treaty) signed in 2007 that strengthened Treaties of Rome really of the democratic principle and with the guardianship of the fundamental rights.
The other two symbols want to remind respectively the event that is celebrated for the 60th anniversary of the Treaties of Rome ( as Daniel participated in May to the exhibition “Arte Europa 2017” at Nancy organized with a twinning between Italy and France and some EU countries in memory of these treaties and he would want to continue this anniversary and to share it to other nations of European Union by his participation to other shows).
This design on Є2 french coin of 2007 was already created for the 50th year of the Treaties of Rome, while italian symbol of 2015 commemorate the 30th anniversary of European flag (coins really reversed really for cultural exchange in this twinning).


Tecnique Description
Chiusure Umane: dimensions: h. cm. 50 x cm. 70 – Media: mixed/ collage- Materials: Zips of metal, construction paper, coloured glitters glue - Support: frame à jour – Style: Conceptual –Year: 2009
This work is of the Collection n. 1 "Fashion Art" of the Group n. 2 dedicated to Social

Piace a 5

Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login