Am I present?

Am I present?

In "Am I present?" l'immagine dell'artista, offerta come specchio della totalità diviene elemento iconico generatore di un cortocircuito tra presente e passato. Interpretazione laica e religiosa e culture apparentemente separate e diverse tra loro si sovrappongono a offrire spunti di riflessione sulla società contemporanea.

A livello simbolico i capelli rappresentano le proprietà dell’individuo e sono il concentrato spirituale delle sue virtù tanto da mantenere uno stretto rapporto con la persona anche dopo esserne stati separati, da qui infatti il culto delle reliquie. Nelle varie culture, il taglio dei capelli spesso corrispondeva non solo ad un sacrificio, ma anche alla rinuncia, volontaria o imposta, alla propria personalità.
In molte tradizioni i capelli vengono celati da un velo. Fin dall’antichità rappresenta una separazione tra sacro e profano, una cortina per marcare le differenze sociali, per classificare o sottomettere. Mentre nella tradizione monastica cristiana prendere il velo significa separarsi dal mondo e separare il mondo dall’intimità della vita con Dio, nel mondo arabo, diviene uno schermo per nascondersi e isolarsi dallo sguardo altrui, per rendersi invisibili, ma al contempo per identificarsi.

Piace a 23

Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login