self destruction

self destruction

Hawking parla di “autodistuzione dell’umanità”. Ritiene che le nuove tecnologie non siano state gestite per il meglio e che ciò abbia contribuito a far progredire le cose per il peggio. L'astrofisico parla di guerre nucleari, di riscaldamento globale, di virus creati in laboratorio. Problemi derivati da errori commessi dalla specie più evoluta vivente sul pianeta Terra ovvero l’uomo.
Ispirato dal pensiero assagioliano ho ritenuto stimolante intervenire sulla figura archetipica dell'uovo, utilizzata dallo psicologo per rappresentare l'essere umano e la sua psiche come una sorta di microcosmo. Non a caso l’uovo è riconosciuto universalmente come emblema della realtà primordiale che racchiude in se la vita e la molteplicità degli esseri. La sua forma, inoltre, priva di angoli e di spigoli, simboleggia armonia ed omogeneità.
L'iconica perfezione ovoidale viene ora infranta da frammenti di guscio che, tramutatisi in appuntite schegge, come esecutrici di uno spietato programma di autodistruzione, attentano all’integrità della sostanza interiore. Bordi sporgenti ed aguzzi alterano violentemente l’originario carattere del modello archetipico, adesso simbolo di angoscia e disorientamento.
L’umanità viene tradita e aggredita dagli stessi sistemi che avrebbero dovuto tutelarla. Dagli stessi elementi che la compongono: gli uomini. Smarrita negli stessi luoghi che un tempo le offrivano un valido punto di riferimento ed un sicuro rifugio.
Ma non tutto è perso. Magari il tormento, espresso dall’inquietante metamorfosi, è solo un passaggio dovuto, una fase transitoria. Il tramite per ridestarci dall’intorpidimento ed accendere la scintilla di quella che Hillman definisce “immaginazione attiva”. Essa “fa scattare il bisogno di aderire alla realtà in un altro modo. Spinge in tutte le direzioni, cosicché i fenomeni si mostrano alla nostra comprensione e alla nostra partecipazione.” Solo così le afflizioni potranno trasformarsi in “possibilità creative, nuclei di revisione, germi potenziali.”
Sarà allora che dal quel nido ovoidale potremo veder risorgere dalle proprie ceneri la mitica fenice e riconoscere, con rinnovata consapevolezza, nell’archetipo uovo il simbolo della generazione e della resurrezione.

Piace a 41

Commenti 3

Fabiobram
3 anni fa
Fabiobram Artista
Ti ringrazio Emanuele complimenti a te un lavoro ma un'infinità di contenuti !!
Enzo Dell'Acqua
3 anni fa
Enzo Dell'Acqua Artista, Fotografo
Bravo Emanuele, realizzata con molta cura e bella composizione. Evocativa, mi piace.
francesca furin
3 anni fa
Complimenti!!!!

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login