On the other side of

On the other side of

Cipro è situata al crocevia marittime del bacino orientale del Mediterraneo, Cipro ha una storia ricca e varia. Molti invasori, coloni e immigrati sono venuti qui nel corso dei secoli, e l'isola ha visto Greci, Romani, Bizantini, Lusignano, genovesi, veneziani, ottomani, inglesi e turchi cercano di prendere una parte di Cipro per se stessi.
Ex colonia britannica, Cipro ha un sistema di governance complesso in cui la Gran Bretagna, Grecia e Turchia sono "garanti" di tutta l'isola in caso di interruzione dell'ordine costituzionale.
Nel 1960 Cipro ha ottenuto l'indipendenza dal Regno Unito, dopo la lunga campagna anti-britannica con il Greco-cipriota EOKA (Organizzazione nazionale dei combattenti cipriota), un gruppo di guerriglieri che le hanno volute unione politica con la Grecia, o di Enosis.
Nel mese di luglio 1974, il presidente è stato rovesciato dal colpo di stato del 1974 cipriota di Stato effettuata dalla Grecia, che era sotto il dominio della giunta militare greca.
L'obiettivo del colpo di stato fu l'annessione dell'isola da parte della Grecia e la Repubblica ellenica di Cipro è stata dichiarata.
L'invasione turca di Cipro ha avuto inizio il 20 luglio 1974 e che ha portato alla cattura di circa il 40% dell 'isola.
L'invasione turca si è conclusa con la creazione da Nazioni Unite di una linea di cessate il fuoco, che è diventata la zona cuscinetto delle Nazioni Unite a Cipro, che divide ancora oggi a Cipro.
Greco-ciprioti fuggiti aree settentrionali che erano sotto l'occupazione, mentre allo stesso tempo i turco-ciprioti sono stati trasferiti in queste aree occupate settentrionali da parte delle autorità delle Nazioni Unite e British SBA.
Da allora, la parte meridionale del paese è stato sotto il controllo del governo riconosciuto a livello internazionale di Cipro e la parte settentrionale sotto l'auto proclamata Repubblica Turca di Cipro del Nord.
L'Unione europea ritiene che il governo greco-cipriota di Nicosia a rappresentare tutta l'isola, mentre solo Ankara riconosce l'amministrazione separatista nel nord di Cipro.
Nazioni Unite forze di pace mantenere mantenere la zona cuscinetto tra le due parti.
La zona si estende per 180 chilometri dalla parte occidentale verso est. Si attraversa il centro della città vecchia di Nicosia, che separa la città in sezioni meridionali e settentrionali.
La città è stata divisa in greco-cipriota meridionale e la parte settentrionale turco-cipriota nel 1963 (la divisione è chiamata linea verde), a seguito della violenza intercomunale che è scoppiata in città.
Nicosia è la capitale e sede del governo della Repubblica di Cipro, ed è anche la capitale della Repubblica Turca di Cipro Nord e ad oggi la sua ultima capitale divisa al mondo.

In questo caso, quindi, il confine è all’interno di una città, una città divisa. E questa divisione è stata documentata con dovizia da Arianna Arcara. Essa ha “registrato” la divisione non solo di quel luogo, ma di tutta l’Isola, attraverso uno sguardo rivolto verso il muro. Uno sguardo attento, in bianco e nero, per essere il più asettico possibile. Uno sguardo che ha documentato i particolari che ci dimostrano che il tempo, pur trascorrendo, si è fermato. Ha quasi congelato tutto quanto “appeso” al di qua e al di la del muro. Vecchie scarpe, crepe, cornici di quadri ormai scomparsi, filo spinato. Ma la vita continua, il tempo scorre ancora e la natura, come spesso avviene, si riprende ciò che l’uomo le ha strappato. Ecco quindi le piante che ricrescono all’ombra del muro o negli anfratti che il tempo ha creato nel muro stesso.
E nonostante l’uso del bianco e nero, il linguaggio attento, delicato, femminile di Arianna risalta subito e ci accompagna con delicatezza in questa terra così contaminata dalla violenza.

Piace a 14

Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login