Come se fosse

Come se fosse

Ho conosciuto Roberta tanti anni fa, tramite amici di amici. A settembre del 2015, vengo a sapere che le è stato diagnosticato un cancro al IV stadio. Decido di proporle un lavoro fotografico su questo suo difficile percorso di vita. La sua risposta è immediata, entusiasta e insieme divertita.
In questo mio dialogare con Roberta il rimando emotivo a me stessa diventa urgente ed inevitabile. Raccontare l’imprescindibilità della vita e della morte senza cadere in banali stereotipi è una sfida ardua e continua. Come arduo é il tentativo di cogliere, seppur nel dolore e nella sofferenza del corpo e della mente, guizzi di vitalità. La vita nella morte, la morte nella vita. L’incontro con Roberta pone inevitabilmente la domanda sul senso della vita e diventa per me un dialogo interiore con l’imprevedibilità e la precarietà dell’esistenza. E’ un confronto emotivo profondo con la paura della perdita e del vuoto, sentimenti che conosco bene e che diventa una sorta di preparazione personale all’accettazione della morte ma accettare la morte come parte della vita è cosa estremamente difficile. Con mio grande dolore, questo racconto resterà incompiuto e volutamente incompleto senza immagini di sofferenza o disperazione. Il breve viaggio di Roberta è terminato, è ora di tornare.





Piace a 17

Commenti 2

de'Nobili
4 anni fa
de'Nobili Artista, Fotografo
Grazie! Mi fa piacere che ti sei giunto il messaggio che volevo trasmettere.
Maristella  Angeli
4 anni fa
Maristella Angeli Premium Artista, Pittore
Ha vinto la vita al di là della morte: Roberta è qui con noi.
Brava!

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login