LIMBO

LIMBO


Opera che molti definiscono originale e bella....
Essa ha un significato particolare ma soprattutto la cura di alcuni particolari la rendono affascinante ed interrogativa.



LIMBO...

Un ricordo doloroso spezza le ali.
Solo il buio.

Una luce che desta infiniti ricordi,
un passato che si affievolisce.

Il suono di una voce che porta magia e poesia.

Un piacere silente che ti prende fra
le braccia e ti conduce in un limbo.

Un solo linguaggio quello delle emozioni.

Un semplice sorriso che conduce in un Paradiso.

Immobile e statuaria cerco i tuoi occhi.
Attendo.

Un piccolo passo, una mano che sfiora
che accoglie altre mani.

Un soffio delicato su calde labbra,
un silenzio che parla, che legge, che ama.


autrice: SONIA BUCCI
LA PRESENTE POESIE FA RIFERIMENTO ALL'OPERA DELLA STESSA ARTISTA E MAESTRA D'ARTE SONIA BUCCI , ED É PROTETTA DA COPYRIGHT ©


Una donna....un volto....un corpo nudo....il suo seno e la sua femminilità sfiorate, toccate...
Mani sconosciute e non....
Il silenzio che imponeva l'ipocrisia, il desiderio di sentirsi amata sessualmente e mentalmente....
Un diritto spesso negato alla donna dimostrato con il regalo di appellativi quali " poco di buono...prostituta ed altri..".
Non più TABÙ ma la libertà di poter essere ciò che si è e soprattutto di mostrare al mondo ciò che il nostro corpo di donna sente e desidera.

Piace a 60

Commenti 1

giulio micheletti
4 anni fa
culturalmente valida,complimenti

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login