Health (a pills swallower)

Health (a pills swallower)

Come stai? Sei sano abbastanza?
questo lavoro osserva e analizza i messaggi dei media, delle pubblicità e la tendenza della società riguardo alla salute del corpo e della mente.
La salute sembra non essere uno stato naturale dell'individuo, ma un'utopia da inseguire assumendo continuamente qualcosa di artificiale.
L'individuo ha bisogno di supporto esterno e artificiale per ricordare, per reintegrare i muscoli, per restare concentrato, per essere forte,
per essere intelligente...per essere sano.
Le pillole rendono il soggetto apparentemente fortificato e duraturo come il marmo, invece rimane pur sempre di gesso.

Piace a 14

Commenti 2

Daniele Fergnani
4 anni fa
Grazie Look dell'articolata recensione!
Lookatmy Back
4 anni fa
Lookatmy Back Artista, Gallerista, Art lover
Ottima idea, Daniele! Hai ragione da vendere: tra pillole, integratori, fibre, lattobacilli e tutto il resto sembra proprio che la necessità di oggi sia ingollare "salute" in pillole e cucchiaini per inseguire l'utopia del benessere. Siamo diventati novelli alchimisti alla ricerca della pietra filosofale, intenti a trasmutare il piombo della vita frenetica odierna in oro di una condizione di salute che comunque si guasta nel giro di poche ore dall'assunzione di questi trucchetti tascabili da banco. La pubblicità assolve oggi il ruolo dell'imbonitore di un tempo che millantava in piazza le straordinarie doti dell'intruglio in bottiglia da rifilare ai gonzi di turno. Bellissimo lavoro, messaggio diretto e chiaro, ironia compresa! Complimenti! :)

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login