La Figlia del Mare sotto il Cielo di Lampedusa

Questo dipinto vuole raccontare la storia di una donna Eritrea che con grande coraggio affronta il mare per raggiungere l'Isola di Lampedusa....purtroppo molte di queste donne che partono dagli oscuri porti della Libia diventano poi "figlie del mare", poichè l'emigrazione in quelle terribili condizioni è segnata da esperienze di dolore e persino di morte...Tale dipinto vuole comunque rappresentare la speranza che il nostro tempo ci racconterà anche di casi straordinari dove la solidarietà condurrà alla "rinascita" di queste donne...donne che sono state così coraggiose in quella traversata tra le onde del mare.
L'opera è accompagnata dal seguente racconto onirico, inventato dall'artista e pubblicato su you-tube e vimeo ai seguenti indirizzi:
https://www.youtube.com/watch?v=eTEidH5FOEE
https://vimeo.com/127731641

Piace a 20

Commenti 4

Alessandra Damiano
5 anni fa
Grazie mille Floriano!
Alessandra Damiano
5 anni fa
Grazie mille Paul Brotherton! Anche i tuoi lavori sono molto belli! Complimenti!
Paul Brotherton
5 anni fa
Paul Brotherton Artista, Designer
Compliments on your skilful, beautiful and stylish artworks!
Alessandra Damiano
5 anni fa
Questo dipinto vuole raccontare la storia di una donna Eritrea che con grande coraggio affronta il mare per raggiungere l'Isola di Lampedusa....purtroppo molte di queste donne che partono dagli oscuri porti della Libia diventano poi "figlie del mare", poichè l'emigrazione in quelle terribili condizioni è segnata da esperienze di dolore e persino di morte...Tale dipinto vuole comunque rappresentare la speranza che il nostro tempo ci racconterà anche di casi straordinari dove la solidarietà condurrà alla "rinascita" di queste donne...donne che sono state così coraggiose in quella traversata tra le onde del mare.
L'opera è accompagnata dal seguente racconto onirico, inventato dall'artista e pubblicato su you-tube al seguente indirizzo:
https://www.youtube.com/watch?v=eTEidH5FOEE

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login