Vaganze

Vaganze

Costruzioni artificiali che interagiscono con l'orizzonte naturale.
Le fotografie che compongono la serie ritraggono orizzonti negati, mascherati, sottolineati, resi significanti dalle superfetazioni umane.
Partendo dalla definizione Düreriana di perspectiva (ovvero) vedere attraverso, l'intero progetto si trasforma in una finestra, attraverso la quale noi intravediamo l'orizzonte, conferendogli, ipso facto, una forma.
Nei paesaggi marini, formati da strutture geometriche essenziali, predomina il vuoto e l'assenza di ogni forma di vita.
Sono luoghi d'approdo o di partenza, proiezioni di mondi interiori in cui confluiscono stati d'animo, sogni, illusioni, realtà.
Un mondo profondamente umano in cui l'uomo non lascia che tracce.

Piace a 31

Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login