custodi

custodi

Il tegumento è la pelle, il guscio, l’ultima barriera di un corpo prima dell’incontro/scontro con l’esterno.
Il progetto nasce da questa considerazione: rappresentare il bisogno di proteggersi dagli agenti esterni che potrebbero anche solo con il loro sguardo intaccare, profanare il contenuto di questo involucro, un sistema per custodire un segreto, un sentimento o una pulsione intima che fa inevitabilmente parte di ogni essere vivente.

Per realizzare l’installazione vengono utilizzate vasche di vecchie carriole da muratore, assemblate a due a due (una sormonta l’altra) così da formare dei “gusci” che, disposti in gruppo o singolarmente riescono a creare una sensazione di protezione di ciò che sta all’interno e che viene negato all’occhio dello spettatore.
Ciò che sappiamo degli altri, in fondo, è solo cio che vediamo esternamente, il “guscio” appunto. I pensieri più intimi sono custoditi gelosamente nel profondo.

Piace a 12

Commenti 3

Luisa Colli
6 anni fa
Luisa Colli Artista
Due valve di carriola da muratore, che poesia!che bella installazione! sensibilita' e ruvidezza. Proprio bravo!
andrea cereda
6 anni fa
andrea cereda Artista
grazie vittorio. ciao
Vittorio Comi
6 anni fa
Vittorio Comi Artista
L'insieme dei custodi rende lo spazio magico, passarci in mezzo è come profanarne i segreti custoditi, ma la curiosità qualche volta supera la poesia.
Gran bel lavoro!

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login