La Stanza di Elena

Installazione, Politico/Sociale, Fantasia / Visionario, Video installazione, 100x180cm
Le farfalle hanno gambe fragili, non camminano ma si spostano librandosi e i loro voli rocamboleschi creano un’immagine cucita, inscatolata e claustrofobica. Elena ha una stanza dove passa la sua esistenza distesa come un gambo di papavero sul tetto del suo letto. Se svuoto la stanza è solo impressione, l’impressione di averla liberata dal suo fetore esistenziale;
lascio solo quadri e altre icone vuote, ma non sono proprio vuote, dentro hanno le Pupe. Dopo due settimane nasceranno, ed eccovi servita l’immagine dell’impossibilità, vibrante e deprimente, tesa come le gambe di Elena, sempre orizzontali.
La malattia di Elena la costringe a vivere in questa stanza, la sua metamorfosi è interna, certo simile all’elezione sciamanica di Beuys, ma questa, a differenza di quella dell’uomo con il cappello, non ha un lieto fine; il suo corpo è un giaciglio del pensiero appassisce immobile sul suo letto, in questo utero spigoloso di mondo. Questa è la stanza di Elena, questa è la mia casa ed io voglio battezzarla esorcizzarla, distruggerla.

Piace a 7

Commenti 1

Andrea Buzzichelli
6 anni fa
brava

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login