Theater

Video, Figura umana, Paesaggio, Filmato, 6:4
Questo lavoro procede e persiste in un luogo del “non-esattamente”, non esattamente costume, non esattamente fibre, paesaggio o land art, non esattamente performance, non esattamente risolto. Questo “non-esattamente”, fatto a posta o no, cerca di defamiliazzare i miti piu’ radicati del completo, della bellezza, della verità che da tempo sostengono il canone occidentale, facendo entrare altri miti piu’ scomodi: della femininità grottesca, del mutaforma ben-nascosto, della figura senza il proprio luogo.

Detto ciò, il lavoro non riscrive esattamente estetica tradizionale, e non intende farlo. La prova adosso—per poi rivelare quanto non ci sta. Venere sorge dal mare, con il suo dentro mostrato fuori, percorrendo il limite fra il bello e il brutto. Il lavoro cerca di snodare queste mitologie e intrecciarle in un nuovo modo. Una schiena, il retro, serve come una sorte di fronte per l’immagine, di cui la sua nitidezza originale cede al volume e alla forma del corpo-schermo, causando l’occhio di saltare da un piano ad un’altro, fra paesaggio, corpo e lo spazio della proiezione.

La figura rimane sempre al centro della cornice come una cariatide spettrale di cui il costume si muove con l’ambiente, mostrando la sua materialità e spesso la pelle che c’è sotto. L’immobilità di questa figura mitologica viene chiamato in questione—Perchè scegliere di occupare o inabitare un luogo senza appartenerci?

Piace a 5

Commenti 3

Masami Teraoka
7 anni fa
Masami Teraoka Artista
Breaking out of the norm of aesthetics and narrative or performance convention seems to present unique vision and challenge to this author. Aloha!
donato arcella (spazi.Lolli)
7 anni fa
Grande forza simbolista. Complimenti !!!
Geoff Dunlop
7 anni fa
Geoff Dunlop Artista
There are fascinating connections between this (and your related piece on Vimeo) and my own contribution to The End. But the intentions may be quite different - or at least the way we "describe" our work

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login