Blue 2

Blue 2

Fotografia Digitale, Astratto informale, Tecnica mista, 100x30x1cm
Compito dell'artista è elaborare la percezione immediata della realtà in una percezione "altra", che suggerisca livelli superiori di realtà a partire dall'esperienza percettiva quotidiana. Tale obiettivo si realizza attraverso un percorso di destrutturazione della visione reale, che mette in evidenza, nel vissuto di ogni giorno, la coesistenza di realtà diverse: la realtà è una e multipla allo stesso tempo, una "tassellatura" al di là della quale si intravede una fitta rete di collegamenti che ne costituiscono la struttura, il codice.

Il "manifesto" che esprime la mia volontà di decodifica del reale attraverso la fotografia è il progetto intitolato "Tara", che considero un'opera "aperta", in continuo divenire. "Tara" vuole scatenare un "risveglio percettivo" che offra la visione di un differente ordine delle cose: i contenitori industriali diventano "tessere" che suggeriscono una reltà modulare, a più livelli, mentre le sequenze di segni (lettere, numeri, logotipi, simboli) che compaiono sulle loro fiancate ne diventano il "codice sorgente", il linguaggio attraverso il quale il reale diviene comprensibile.

Piace a 5

Commenti 2

Gianluca Mainiero
7 anni fa
Carol ciao, grazie per il commento. Sì, il testo l'ho scritto io, come d'altra parte anche tutti gli altri testi a commento delle mie opere. Ancora sì, cerco una chiave di decodifica del reale. Questo mio immaginario spazia dall'Iperuranio di Platone fino alla fisica quantistica, passando per Edagar Allan Poe, Philip K. Dick, William Blake...
Carol Gianotti
7 anni fa
Carol Gianotti Artista
l'hai scritto tu questo testo? è davvero molto, molto interessante. parla di problemi legati alla percezione, all'elaborazione percettiva, alla destrutturazione dell'esperienza visiva del quotidiano. questo è (a mio dire) l'approccio più corretto verso l'arte. sei alla ricerca del codice sorgente? bellissimo lavoro. un bel pezzo sopra tanta (inconsapevole e datata) produzione.

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login