Orietur in tenebris lux tua .... Arte contemporanea tra luce e tenebre
Mostre, Lucca, 28 febbraio 2016
Nascerà in mezzo all’oscurità la tua luce “Orietur in tenebris lux tua” diceva il profeta Isaia, una frase che sembra in qualche modo sintetizzare secoli e secoli di sperimentazione nel campo artistico dove appunto la luce ha sempre avuto un’importanza fondamentale ma senza le ombre, senza le tenebre, la luce non può esistere. Così come la natura, è fatta di luci e ombre che si trasformano continuamente, anche l’arte ha sempre più come protagonisti questi due elementi che l’artista, attraverso il colore o ad un sapiente uso delle luci, riesce a trasformare in un’esperienza emozionale e spirituale senza paragoni.
Durante i vari secoli la luce ha assunto svariati significati, spesso legati anche alle credenze religiose e sociali di chi le osservava. E’ così che essa è divenuta rappresentazione di una presenza divina, allegoria di vita, o altre volte simbolo del mondo magico ed esoterico, mentre alle tenebre sono sempre stati associati significati negativi come emblema del male, della tristezza e delle miserie umane.
Attraverso le opere di un gruppo di artisti contemporanei, accuratamente selezionati, si è voluto indagare sull’arte di oggi, analizzando come si sia evoluto questo rapporto tra luce e tenebre ed evidenziando in particolare il ruolo che la luce assume nelle opere dell’artista contemporaneo. Un viaggio non soltanto artistico ma anche spirituale che vuol guidare lo spettatore a trovare la propria luce, liberandosi dalle tenebre che lo incatenano ogni giorno!
Esporranno i seguenti artisti:
GIANPAOLO CAPPELLO, SIMONA CESARI, PAOLA CAROSIELLO, SIMONE GALIMBERTI, PAOLO GRAZIANI, CHIARA LOVERA,CARLOTTA MANTOVANI, ELISA MAZZIERI, FRANCESCA ORE, PAOLO SIGNORE, ELENA TANZARELLA

Commenti 2

Maristella  Angeli
3 anni fa
Maristella Angeli Premium Artista, Pittore
Molto interessante!
andryoana
3 anni fa
andryoana Artista
Complimenti per il tema....sarà un successo!

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login