Mostre, Roma, 23 ottobre 2015
SOSE - Stazione Ottavia Spazio Espositivo
OPERE IN TRANSITO
23 ottobre - 23 novembre 2015

Mostra promossa dal Municipio XIV Monte Mario
Assessorato Cultura, Creatività e Promozione Artistica

Direzione artistica Simona Sarti

Espongono:
Giorgia Botticelli, Norberto Cenci, Marta Cioli, Filippo De Luca, Lucia Di Miceli, Giovanna Gandini, Marzia Gandini, Itto, Silvia Longo, Simone Marini, Remo Menghi, Alessandro Monti, Michel Patrin, Elisabetta Piu, Marialuisa Ricciuti, Simona Sarti

Il SOSE – Stazione Ottavia Spazio Espositivo è l’esempio più efficace del progetto Nuovi Quartieri. Il SOSE nasce da un locale inutilizzato della Stazione di Ottavia che si è trasformato in uno spazio espositivo dove le energie creative del territorio hanno preso forma attraverso mostre collettive, performance, presentazioni di libri, caffè filosofici, opere di street-art e percorsi didattici sull’arte contemporanea.
Il SOSE è il primo spazio culturale realizzato nella periferia nord – ovest di Roma grazie a un’intuizione dell’Assessore alla Cultura Marco Della Porta in collaborazione con RFI – Rete Ferroviaria Italiana. Una stazione da semplice nonluogo si è trasformata in un’esperienza unica nell’intera città.
Uno spazio espositivo innovativo a pochi passi dal Grande Raccordo Anulare, in una borgata romana di cui fino a ieri in molti ignoravano l’esistenza, e dove oggi vengono a visitare questa nuova e simbolica infrastruttura culturale.
Il SOSE è diventato il catalizzatore dei molti microcosmi che non trovavano spazio nel deserto del mondo periferico. Giovani, artisti, architetti, scuole e associazioni oggi collaborano nella realizzazione di incontri culturali scambiandosi conoscenze e proposte. In pochi mesi oltre 100 artisti del territorio, soprattutto giovani o esordienti, sono stati protagonisti di iniziative culturali insieme a oltre 1000 studenti e coinvolgendo migliaia di cittadini.

SOSE - Stazione Ottavia Spazio Espositivo
Via della stazione Ottavia, 5

Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login