Riflessi di luce e sogni
Mostre, Cagliari, Villanovafranca, 05 novembre 2016
Mostra di pittura dell'artista Gisella Mura, un viaggio estetico attraverso 40 opere esposte al Civico Museo Archeologico di Villanovafranca.
Vernissage sabato 5 Novembre alle ore 16.30, interverranno:
Matteo Castangia, Sindaco di Villanovafranca;
Giacomo Porru, Assessore alla cultura, Comune di Villanovafranca;
Daniela Madau, storico dell'arte (@damadelguilcier);
Antonello Castangia, Presidente della coop. Il Coccio.

"Un’artista che studia e racconta la forma umana.. per me l’arte di Gisella Mura è questo! Un’artista che spazia dal neoclassicismo all’arte bizantina ma con un tratto decisamente ancorato alla sua terra d’origine. Ecco che, oltre a essere parte attiva nel percorso di valorizzazione e crescita della comunità di Collinas partecipando attivamente all’organizzazione di eventi e manifestazioni, membro di giurie di arte contemporanea, dopo un percorso universitario all’Accademia di Belle Arti di Sassari, non ha mai abbandonato il pennello e gli studi sulla Sardegna. Un’arte emotivamente forte che esce dalle tele e cattura l’attenzione per la forza che emana, dalle maschere tradizionali sarde ai suonatori di launeddas, per poi soffermarsi sulle forme sensuali e passionali della donna. La figura femminile, la protagonista principale della sua attività, a tratti madre dolce e affettuosa, a tratti passionale e divina. Le sue opere sono un complesso armonico di simbologia, sardità e femmineo.. si, perché da un’attenta osservazione, le maternità nascondono tratti peculiari dell’abito tradizionale sardo, la donna come divinità che reinterpreta il culto antico della dea madre, la donna che esce dagli stereotipi e si afferma nella società contemporanea. Dedica un filone della sua creazione, alla rappresentazione dell’angelo, un’entità che va oltre la sua canonica raffigurazione di bambino assessuato alato, che lascia il posto a splendide ragazze adolescenti, consapevoli della loro bellezza che non nascondono la loro entità sovrannaturale.
La sua creatività sta nell’utilizzo attento dei materiali: stucco, gesso, acrilico, terracotta e plexiglass, olii e pastelli a olio per permettere alle sue opere di uscire dalla tela e catturare gli spettatori per la loro interazione con gli spazi.
Uso misurato del colore, toni caldi si affiancano con eleganza a altri freddi, per la maggiore rosso, nero e bianco e qualche sperimentazione verde che accolgono le sue figure dagli incarnati marmorei o dorati."
Daniela Madau, storico dell'arte.

Commenti 1

Teresa Palombini
3 anni fa
Auguri!!

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login