LES FEMMES / La Figura Femminile
Mostre, Pisa, 02 febbraio 2019
LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte

Inaugurazione Sabato 2 Marzo 2019 ore 17,30

dal 2 al 13 Marzo 2019

a cura di Massimiliano Sbrana

In collaborazione con la Collezione "Archivio d'Arte" del GAMeC CentroArteModerna di Pisa

Artisti presenti :

Amalia Ciardi Duprè, Andreozzi Sergio, Annigoni Pietrom Arcadi Cristiano, Ballantini Stefano, Bandini Sirio, Benvenuti Riccardo, Bonanni Tiziano, Borin Luciano, Bueno Antonio, Bussotti Renzo, Cantatore Giuseppe, Champa Avellis, Corrado Mimmo, Costanzo Maria Cristina, Daniele Cerù, Fabio Rossi, Fancelli Vincenzo, Gentilini Franco, Giovanni Venuti, Lisandro Ramacciotti, Lupetti Franca, Magoni Bruno, Martini Uliano, Messina Franco, Norelli Luigi, Novelli Chiara, Palese Angela, Paolo Buzi, Pierluigi Pistelli, Piero Bernardini, Pirelli Patrizia, Sansavini Loredana, Sbrana Giulio, Siri Luca, Susini Paolo, Vecoli Stefano Carlo, Volpi Alessandro.


Sede : GAMeC CentroArteModerna Pisa - Lungarno Mediceo, 26 Pisa - www.centroartemoderna.com - tel. +39 3393961536 (Whatapps, Telegram)

__________________________________________________________________

LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte

Si inaugurerà SABATO 2 Marzo 2019 alle ore 17,30 presso il GAMeC CentroArteModerna di Pisa (sul Lungarno Mediceo al numero 26) la mostra "LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte" che, ordinata e curata da Massimiliano Sbrana, vuole dare un breve ma significativo percorso della figura femminile così come gli artisti nel tempo l'hanno raffigurata.

La donna da secoli è infatti elemento fondante dell'arte. A partire dalle rappresentazioni e sculture della preistoria la donna è stata rappresentata nelle sue molteplici sfaccettature: donna come madre, donna come santa, donna come diavolo, donna come amante ecc. Una figura femminile dunque che nelle arti figurative, ha ricoperto di volta in volta una veste simbolica diversa nel corso dei secoli, di pari passo con l’evoluzione delle tecniche artistiche e degli stili, con il variare del gusto estetico e, elemento non meno importante, con il diverso modo di concepire il ruolo della donna nella società.
Fin dagli albori della civiltà la figura femminile, quindi, è stata protagonista della storia umana: gli archeologi hanno rinvenuto numerose sculture di divinità femminili, attribuite all'organizzazione delle tribù di stampo patriarcale, dell'era paleolitica. Presso molte antiche civiltà la donna era il perno della società, era depositaria del principio della vita, della fecondità e, come tale veniva rappresentata.
Per il pittore, però, la donna è anzitutto forma. E' il simbolo della figurazione di tutti i tempi, è l'archetipo della dimensione umana, della sua trasparente profondità, del suo glorioso intelletto, della sua perfezione assoluta, sopra ogni altra forma vivente.
E' alla forma della donna che l'artista consegna il giudizio estetico dell'arte. Un artista, inoltre, spesso cerca il suo ideale femminile nel corpo di una donna e lo confronta con le proprie lacune interiori, così da poter definire, attraverso una personale interpretazione, quella metà di sé che vuole trovare nell'oggetto del suo desiderio.

In esposizione le opere di :
Amalia Ciardi Duprè, Andreozzi Sergio, Annigoni Pietro, Arcadi Cristiano, Ballantini Stefano, Bandini Sirio, Benvenuti Riccardo, Bonanni Tiziano, Borin Luciano, Bueno Antonio, Bussotti Renzo, Cantatore Giuseppe, Champa Avellis, Corrado Mimmo, Costanzo Maria Cristina, Daniele Cerù, Fabio Rossi, Fancelli Vincenzo, Gentilini Franco, Giovanni Venuti, Lisandro Ramacciotti, Lupetti Franca, Magoni Bruno, Martini Uliano, Messina Franco, Norelli Luigi, Novelli Chiara, Palese Angela, Paolo Buzi, Pierluigi Pistelli, Piero Bernardini, Pirelli Patrizia, Sansavini Loredana, Sbrana Giulio, Siri Luca, Susini Paolo, Vecoli Stefano Carlo, Volpi Alessandro.


Altre informazioni disponibili al più presto sul sito: www.Centroartemoderna.com Per appuntamenti tel +39 3393961536 (Whatsapp , Telegram) .

La mostra proseguirà fino al 13 Marzo 2019. (ingresso libero). Orari: 10-12,30/16,30-19,00 (feriali); (festivi telefonare) ; chiuso lunedì . Apertura Straordinaria Domenica 3 Marzo 17-19,30.

Ufficio stampa:
Massimiliano Sbrana
mobile +39 3393961536
e-mail mostre@centroartemoderna.com

Si autorizza la pubblicare testi e immagini relativi alla mostra IN OGGETTO. Si dichiara che per le immagini e per i testi contenuti nel predetto comunicato non esistono VINCOLI SIAE NE' VINCOLI DI ALCUN TIPO. -

__________________________________________________________________________________________

Il contenuto di questa è strettamente riservato e non divulgabile a terzi se non previa autorizzazione scritta, dal GAMeC CentroArteModerna di Pisa , in caso si riscontrassero usi impropri dei contenuti, divulgazione a terzi ed in particolare manipolazioni della stessa, saremo autorizzati a procedere per vie legali.

In ottemperanza alla Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali", art. 13 si dichiara che i dati raccolti, verranno trattati per il solo scopo di invio mail promozionali (altre info sono reperibili sul sito www.CentroArteModerna.com ).
Secondo quanto previsto dal DLs, è possibile modificare o cancellare i dati in qualsiasi momento in modo del tutto gratuito e autonomo. Una non risposta, invece, varrà come consenso alla spedizione dei nostri inviti. Se non hai richiesto questa email, ce ne scusiamo.

Per contattare il titolare della newsletter

Questa newsletter ha un indirizzo fisico che puoi usare contro eventuali abusi

GAMeC CentroArteModerna
Dal 1976 a Pisa
Lungarno Mediceo,26 - 56127 Pisa
MobilePhone +39 3393961536
MobilePhone +39 3933225221

Web
< http://www.CentroArteModerna.com >

Youtube
< http://www.youtube/CentroArteModerna >

Facebook
< https://www.facebook.com/gamecpisa >

Twitter
< https://twitter.com/GAMeCPISA @GAMeCPisa >

Instagram
< https://www.instagram.com/gamecpisa/ >

Google Plus
< https://plus.google.com/+CentroartemodernaPisa >



Copyright 1976 - 2019 GAMeC CentroArteModerna
________________________________________________

Before printing, think about ENVIRONMENTAL responsibility



Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login