Mostre, Venezia, 27 marzo 2010
PALAZZO FORTUNY
Riapertura del museo con, al piano terra,
FRANCESCO CANDELORO, CITTÀ DELLE CITTÀ
27 marzo - 18 luglio 2010

Dopo In-Finitum, la grande mostra della scorsa estate, Palazzo Fortuny, nella sua articolata e tipica connotazione di spazio espositivo, Museo, Laboratorio aperto di idee e di esiti artistici, si espande e riapre.
Si espande con due importanti presenze in Spagna, patria di Mariano, che gli dedica due mostre, una a Barcellona e una a Madrid, cui il museo veneziano partecipa attivamente, e riapre, dal 26 marzo con nuovi allestimenti e iniziative espositive, che coinvolgono i tre piani del Museo.
Tra il primo e il secondo piano si evocano direttamente la figura e l’opera di Mariano, presentando, tra l’altro, una straordinaria serie di rari Delphos, gli abiti-mito di Fortuny, corredati da cappe, mantelli altri abiti e accessori, provenienti da collezioni private americane.
I vasti spazi al pianoterra, recentemente ampliati e recuperati, ospitano invece Città delle Città, una grande installazione site specific di Francesco Candeloro (Venezia, 1974), articolata in una serie di grandi opere - lastre di plexiglas di due metri tagliate a laser e stampate a raggi UV -, in cui i temi dell’architettura, della città e dell’ambiente si legano a fotografia, scultura e segno creando un percorso/labirinto. Il pubblico potrà viaggiare tra le città protagoniste da Seul a New York per passare in Europa attraverso Lisbona, Londra, Kassel, Palermo e altre città ancora fino a Venezia.
Promossa dall’Associazione Culturale Villa Pisani Contemporary Art in parternariato con la Regione Veneto (che la sostiene ai sensi dell’art 45, L.R. 1/2004, Azioni Regionali per l’Arte Contemporanea), la mostra, curata da Walter Guadagnini, si connette infatti a Luoghi e segni, una serie di interventi dell’artista sul territorio, che si svolgono contemporaneamente alla mostra veneziana, in cui Candeloro offre uno sguardo contemporaneo su città e architetture con una installazione tutt’ora allestita a Padova nel portico antistante Piazza Petrarca, ed una nella straordinaria Villa Pisani Bonetti a Bagnolo di Lonigo (architetto Andrea Palladio) , già sede di importanti iniziative volte alla promozione del contemporaneo, che inaugurerà sabato 10 aprile.
L’insieme del progetto si documenta, si arricchisce e si integra con uno stupefacente libro d’artista, a tiratura limitata, con testi del curatore, di Elena Forin, Teresa Macrì, Angelica Nollert Francesca Pola, Tommaso Trini.
In Città delle Città, ogni singola opera restituisce una visione multipla dei contesti con cui l’artista si è misurato, evidenziando l’idea della città come identità in mutazione, che rivela le tensioni della società e del suo sviluppo.
La scansione spaziale dell’esposizione ricostruisce, nell’alternarsi dei lavori, una vera e propria architettura urbana nelle sale del Museo, che diventano esse stesse la Città delle Città. “L'installazione – scrive Walter Guadagnini - potrebbe essere dunque rappresentata come la pianta di una città, con le sue strade, i suoi angoli, e lo spettatore è invitato a trasformarsi nel flaneur di baudelairiana memoria, che si aggira senza meta all'interno di questo labirinto”, in cui le singole sculture emergono emblematicamente dal buio come singole visioni e come un unico corpo.
È dunque una nuova lettura del concetto di luogo, che diventa in queste opere un corpo complesso, uno sguardo stratificato sul reale, sui suoi segni e sulla loro lettura: i tagli, le immagini serigrafate e i colori del plexiglass, restituiscono un’idea personale di ogni contesto fotografato, attribuendogli l’unicità di un’esperienza che Candeloro offre al pubblico perché la possa vivere a partire dal suo punto di vista.
Monumenti, luoghi famosi e luoghi anonimi, vivono in questo modo una costante rilettura, e creano la reale possibilità di un differente approccio a ciò che già si conosce, e che qui si costituisce come nuovo ambiente e realtà urbana. Anche il rapporto tra la luce e il tempo diventa importante, specialmente in relazione all’anima più intima dell’arte: “lastre di plexiglas di differenti colori- dice Candeloro- diventano lastre trasparenti ma colorate, come un’infinità di velature del tempo di una pittura fatta di segni, di vuoti, di materia, un’articolata stratificazione di luoghi del tempo, immagini di città e forme rivelate in un continuo mutamento dato dallo spostamento della visione dell’insieme, dal cambio della visuale e del punto di vista, che si sofferma invece su un particolare di un frammento chiaro di un istante”.
In tutto ciò si conferma, nelle scelte espositive di palazzo Fortuny, la vocazione alla sperimentazione e alla ricerca sulla percezione visiva già care a Mariano.

IMMAGINI per la stampa disponibili su www.museiciviciveneziani.it






PALAZZO FORTUNY
Riapertura del museo con, al piano terra,
FRANCESCO CANDELORO, CITTÀ DELLE CITTÀ
27 marzo - 18 luglio 2010


INFORMAZIONI GENERALI

SEDE: Palazzo Fortuny, San Marco 3758, Campo San Beneto, Venezia

VERNICE STAMPA: 26 marzo 2010

INAUGURAZIONE: 26 marzo 2010

APERTURA AL PUBBLICO: 27 marzo - 18 luglio 2010

ORARI: tutti i giorni 10/18 (biglietteria 10/17); chiuso martedì

BIGLIETTI PER L’INTERO PALAZZO
Intero: 9,00 euro
Ridotto: 6,00 euro
ragazzi 6/ 14 anni; studenti 15/ 29 anni*; over 65; titolari carte Rolling Venice, Venice Card Orange, soci Touring Club e F.A.I., membri I.C.O.M., residenti e nati nel Comune di Venezia; acquirenti dei biglietti per I Musei di Piazza San Marco/ San Marco Plus, Museum Pass Musei Civici Veneziani, classi di studenti accompagnati dall’insegnante, previa prenotazione; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti (minimo 10)
Gratuito
bambini 0/5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate*; interpreti turistici che accompagnino gruppi*; insegnanti (max. 2 per classe) che accompagnino i loro studenti; 2 gratuità ogni 25 biglietti (gruppi non scolastici) previa prenotazione *è richiesto un documento
VISITE ESCLUSIVE FUORI ORARIO
Solo su prenotazione, € 30 a persona ( è necessario l'acquisto di almeno 15 biglietti)
info: mkt.musei@fmcvenezia.it; 0412700351

PRENOTAZIONI
- on line www.museiciviciveneziani.it (pagamento con carta di credito fino a 24 ore prima dell’appuntamento)



La mostra
FRANCESCO CANDELORO
CITTÀ DELLE CITTÀ
è promossa in partenariato da:



Info: villapisani.mostre@alice.it

e si realizza grazie al sostegno di:








Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login