Pinocchio al Pinocchio
Mostre, Pisa, San Miniato, 06 gennaio 2018
“Pinocchio al Pinocchio”
La storia del burattino più famoso al mondo vista attraverso le opere di 36 artisti toscani del XXI secolo

Genere: mostra collettiva di pittura
Artisti: Antonio Biancalani, Maurizio Bini, Vincenzo Calli, Fabio Calvetti, Massimo Cantini, Claudio Cargiolli, Elio De Luca, Fabio De Poli, Raffaele De Rosa, Marco Dolfi, Franco Mauro Franchi, Danilo Fusi, Gianfranco Giannoni, Giuliano Giuggioli, Daniele Govi, Graziano Guiso, Ilaria Leganza, Massimo Lomi, Remo Lorenzetti, Riccardo Luchini, Mario Madiai, Marco Manzella, Gianfalco Masini, Giancarlo Montuschi, Elisa Nesi, Francesco Nesi, Paolo Nuti, Armando Orfeo, Nico Paladini, Cristina Palandri, Samuel Rosi (Muz), Lisandro Rota, Riccardo Ruberti, Francesco Sammicheli, Paolo Tesi, Stefania Valentini, Angiolo Volpe
Titolo: “Pinocchio al Pinocchio”
A cura di: Filippo Lotti
Organizzazione: Casa Culturale San Miniato Basso
Coordinamento: Gianluca Bertini, Marino Gori, Filippo Lotti
Inaugurazione: sabato 6 gennaio 2018, ore 11.00
Luogo: Casa Culturale, Piazza Giulio Scali, 56028 San Miniato Basso PI
Durata: mostra permanente
Orario: Ingresso libero, su appuntamento.
Con il patrocinio: Comune di San Miniato, Regione Toscana, Provincia di Pisa, Fondazione Nazionale Carlo Collodi
In collaborazione: Circolo ARCI San Miniato Basso, Polisportiva Casa Culturale, CCN San Miniato Basso, Consorzio Artigiani Sanminiatesi, Associazione Culturale “Pinocchio a i’ Pinocchio”
Media Partner: Toscana Tv, Radio Bruno Toscana
Ufficio Stampa: FuoriLuogo – Servizi per l’Arte
Info: Casa Culturale - 335 7420875 - info@casaculturale.it

SAN MINIATO BASSO (Pi) - Si inaugura sabato 6 gennaio 2018 (ore 11.00), alla Casa culturale di San Miniato Basso (Pi), la mostra collettiva dal titolo “Pinocchio al Pinocchio”.
La mostra, curata da Filippo Lotti, riunisce trentasei pittori, selezionati tra i nomi più illustri del panorama artistico toscano, ognuno invitato a illustrare, secondo la propria cifra stilistica ed iconografica, uno dei 36 capitoli del libro del famoso burattino.
Gli artisti invitati, toscani di nascita o d’adozione, vengono da diverse latitudini della Regione; da Livorno ad Anghiari, da Grosseto a Carrara: Antonio Biancalani, Maurizio Bini, Vincenzo Calli, Fabio Calvetti, Massimo Cantini, Claudio Cargiolli, Elio De Luca, Fabio De Poli, Raffaele De Rosa, Marco Dolfi, Franco Mauro Franchi, Danilo Fusi, Gianfranco Giannoni, Giuliano Giuggioli, Daniele Govi, Graziano Guiso, Ilaria Leganza, Massimo Lomi, Remo Lorenzetti, Riccardo Luchini, Mario Madiai, Marco Manzella, Gianfalco Masini, Giancarlo Montuschi, Elisa Nesi, Francesco Nesi, Paolo Nuti, Armando Orfeo, Nico Paladini, Cristina Palandri, Samuel Rosi (Muz), Lisandro Rota, Riccardo Ruberti, Francesco Sammicheli, Paolo Tesi, Stefania Valentini, Angiolo Volpe.
“La mostra è stata ideata appositamente per San Miniato Basso – dice Filippo Lotti – che si chiamava proprio Pinocchio e così si è chiamata fino al 1924 quando con un referendum popolare, o qualcosa fatto passare per tale, si decise di cambiare nome trasformandolo nell’attuale denominazione.”
La figura di Pinocchio è sempre stata presente in ogni forma di rappresentazione e di aggregazione del territorio, inoltre, da oltre quarant’anni, esiste il Carnevale dei Bambini legato alla figura di Pinocchio e da poco è nata anche un’associazione culturale chiamata “Pinocchio a i’ Pinocchio” e tutte le associazioni locali hanno nel loro logo l’effige del famoso burattino.
In questo humus è nato il progetto “Pinocchio al Pinocchio”.
Le 36 opere realizzate dagli artisti, propongono un viaggio attraverso forme e colori del fantastico mondo descritto da Collodi, in quella che è un’importante iniziativa artistica e culturale che ha dato ottimi risultati nei lavori pittorici espressi. Una collettiva organica ed interessante, con lavori pensati e realizzati ad hoc.
Le opere rappresentano il mondo di Pinocchio, visto dagli occhi di artisti del XXI secolo, che parlano, si raccontano e raccontano le avventure del burattino più famoso al mondo, con un linguaggio artistico contemporaneo.
Le opere rappresentanti il famoso burattino, il saggio Grillo Parlante, il Ciuchino, la Fata, i due Carabinieri, quei furbi del Gatto e la Volpe, Lucignolo e tutti gli immortali personaggi di Collodi, saranno donate alla Casa Culturale di San Miniato Basso, garante e custode dell’intero progetto, ed esposte in maniera permanente in un ambiente appositamente allestito, che raccoglie le opere originali realizzate con varie tecniche pittoriche, ma tutte dello stesso formato (50x50 cm), con lo scopo di creare a San Miniato Basso un percorso artistico nel nome di Pinocchio così da arricchire la città dal punto di vista artistico e culturale e sancire un legame forte e indelebile tra il burattino e la città.
Contestualmente all’inaugurazione della mostra e relativa donazione ci sarà la presentazione del romanzo “Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino” di Carlo Collodi, illustrato dai 36 artisti, edito da Bandecchi & Vivaldi.
La realizzazione di questo evento è stata possibile grazie al prezioso contributo dei molti sponsor locali che hanno creduto nell’importanza dell’iniziativa.
Per info: Casa Culturale - 335 7420875 - info@casaculturale.it.

Commenti 0

Inserisci commento

E' necessario effettuare il login o iscriversi per inserire il commento Login